Torna alla home page del sito istituzionale della Regione del Veneto
 

sei in: Home > Cultura > Beni Culturali La Grande Guerra

LA GRANDE GUERRA

Le provvidenze assunte dalla Regione Veneto a favore dei luoghi e delle testimonianze della Grande Guerra hanno avuto origine da un evento occasionale - la ricorrenza dell'80Ý anniversario della vittoria - ma trovano la loro matrice in un legame profondo della popolazione con la montagna vissuta, nelle zone dell'alpe e della prealpe, come elemento sostanziale della vita delle comunità ma in tutto il Veneto come passione per un ambiente di fascino straordinario. Sull'Alpe centro orientale si è consumata tra il 1915 ed il 1918 una vicenda che ha segnato popoli di tutta Europa e l'area è rimasta, negli anni, meta mai abbandonata di pellegrinaggi insieme nella natura, nella storia e nella memoria. Anche la Comunità Europea ha riservato finanziamenti per il recupero di zone di particolare significato all'interno di quell'evento (Monte , Cortina, l'Alpe bellunese). Con la Legge Regionale 43/1997 la Regione Veneto ha voluto offrire uno strumento di stimolo a tutto il territorio, per recuperare, là dove la sensibilità locale lo ritenesse opportuno, le testimonianze di una vicenda ancora presente nella memoria diretta o mediata di storie familiari. 

La legge regionale è stata finanziata per tre anni. Con il finanziamento dei primi due esercizi- 1998 - 1999 sono state individuate e catalogate le testimonianze ancora leggibili sul territorio. Con l'ultimo - 2003  (DGR 3549/2003 PDF 28kb, ed allegato PDF 14kb) sono stati finanziati interventi di recupero di sentieri e strutture per una valorizzazione storica e turistico ambientale. In particolare i progetti approvati con quest'ultimo finanziamento mirano a congiungere gli interventi condotti in quota, con finanziamenti europei e destinati ad un'utenza limitata, con il fondovalle ed i centri abitati allargando così il possibile bacino di utenza. 

Sul piano metodologico la catalogazione è stata condotta in sintonia con i criteri catalografici dell'Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione del Ministero per i Beni e le attività Culturali. Mancando uno strumento specifico, è stata elaborata d'intesa con la Direzione Regionale Beni Ambientali una scheda che assume, integrandoli per lo specifico settore, indicatori del bene ambientale (scheda TP) e del bene architettonico (scheda A - PDF, 121kb). 

La schedatura è articolata su tre livelli:
1) scheda descrittiva della porzione di territorio interessata, con posizionamento codificato dei singoli beni individuati sulla Carta Tecnica Regionale
2) scheda di bene esteso (
PDF 91kb)- riferita ad un complesso unitario e funzionale di beni (strada, trincea, acquartieramento) con riferimento codificato ai beni componenti
3) scheda di bene singolo (
PDF 75kb) riferita sia a componenti individuati all'interno di bene esteso sia ad elementi isolati. 

Le schede sono supportate da materiale grafico e fotografico, sia prodotto per l'occasione, sia storico. Per quest'ultimo un particolare ringraziamento va ai privati cittadini che hanno reso disponibile documentazione personale, sia all'Archivio storico dell'Esercito che ha collaborato all'operazione con grande sensibilità. 

Gli interventi sono stati coordinati per l'aspetto tecnico dalla Direzione Cultura; i singoli Enti hanno mantenuto piena direzione sul territorio di competenza. 

Le operazioni sono state condotte in alcuni casi dagli Uffici tecnici, in altri affidate a singoli o gruppi privati. Questo spiega alcune diversità di approccio, che si individuano soprattutto nelle relazioni finali.